LA contestazione annozero e passaparola

1540975820.jpg 1723417980.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Negli ultimi giorni è partita anche per la Federico II,facoltà d’ingegneria, la protesta contro il decreto Gelmini. 

Francamente mi è parso un pò ritardato questo intervento ma, parlando con un membro di “Assingegneria” ho scoperto che era già da tanto che si stava pensando ad un metodo di protesta diverso dall’occupazione ma comunque capace di far sentire la nostra voce.

Insomma, qualcuno si sta muovendo da molto tempo ma pochi, pochissimi, sapevano di questa riforma fino a due giorni fa!

L’ informazione di regime funziona ancora benissimo purtroppo e anche le fasce di popolazione che hanno più facile accesso a internet vengono colpite da questa macchina…

 Tuttavia la domanda che molti si fanno è: Ma erano necessari questi tagli?

No, perchè in uno Stato in cui gli sprechi sono all’ordine del giorno, dove ad esempio, vengono regalati 50000000 € (cinquantamilionidieuro) agli inceneritoristi e dove ci sono7/8 volte più autoblu che negli USA il dubbio viene.

Senza parlare poi dei privilegi dei nostri politici alcuni dei quali sono elencati da Marco Travaglio nella puntata di annozero del 23/10

PEr quanto riguarda le proteste ecco gli estratti dell’ultima puntata di Annozero

-A proposito voglio ricordarvi dell’iniziativa di Beppe Grillo grazie alla quale potete far inserire i vostri video nella home del blog riuscendo a guadagnare grande visibilità-

Tuttavia la realtà in cui vivo è molto diversa da quelle riprese in questi filmati. Da noi si continua a seguire e a studiare per gli esami… La gente s’interessa pochissimo purtroppo.

Oggi c’è stata un’assemblea generale, appena ne so qualcosa posterò le novità

 

 

 

 Infine posto l’ultima parte dell’appuntamento con passaparola:

 

279281314.jpg

 

 

Sperando che qualcosa possa cambiare in questi giorni.

LA contestazione annozero e passaparolaultima modifica: 2008-10-27T18:48:00+01:00da brian8819
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento