Rimborso Licenza Windows

Aggiornamento 01/02/2011:

Ecco la lettera di risposta della Samsung:

“Gentile Cliente,
Benvenuto nel Servizio Clienti Samsung

In merito alla Sua gentile richiesta, La informiamo che Samsung Elettronics Italia
non offre la possibilita’ di ottenere un valore monetario in quanto la licenza di Microsoft fa parte del Bundle:
PC+Licenza quindi, come fanno nel resto d’ Europa, riconosciamo un valore simbolico
di un Euro a patto che vengano restituiti i CD e lo Sticker presente sotto il NotePC in Samsung.

Nel caso avesse necessità potrà mettersi in contatto con il nostro Servizio Clienti al numero 800.7267864,
(operativo dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00 e il sabato dalleore 09.00 alle ore 13.00)
comunicando agli operatori il Suo codice cliente .
Nel ringraziarLa per aver contattato Samsung e augurandoci di aver soddisfatto le Sue esigenze,
Le ricordiamo che restiamoa Sua disposizione per qualsiasi necessità e porgiamo Cordiali Saluti.

Servizio Clienti Samsung


Dopo aver espresso la mia amarezza al servizio clienti (non che servisse qualcosa, ma non ce la facevo a non rispondere…), ho cercato ancora informazione sui rimborsi.

E’ vero che Acer Italia permette di fare la domanda attraverso una specifica procedura.

Tuttavia il processo è interamente a carico del richiedente e comporta la decadenza immediata della garanzia software.

Ovviamente tutto questo è contrario alla sentenza 2526/2010 dello scorso 24 luglio la Corte d’Appello di Firenze di cui potete leggere qui .

Mah, aspetteremo per eventuali sviluppi. Resta il fatto che, se tutti presentassero una richiesta del genere, le grandi case non potrebbero più ignorare il problema.

_____________________


Se trovare un pc sprovvisto di microsoft windows è un’ardua impresa, ricevere il rimborso per una licenza non accettata (EULA) si rivela essere una missione impossibile

La storia inizia, ovviamente, con l’acquisto di un netbook della Samsung dal prezzo particolarmente vantaggioso :


01_large_N150JP01.jpg

Dopo aver fatto presente che non avevo intenzione di pagare una cosa che non mi serviva, tutti gli assistenti alla clientela mi hanno detto che il SO (sistema operativo, windows) è installato già e non c’è modo di non pagarlo.


Questo a dispetto del contratto di licenza che dice espressamente che qualora essa non venga accettata, l’acquirente ha diritto al rimborso (e anche qui ci sono dei problemi come vedremo).

Visto che non volevo perderci anche la buona offerta, ho comprato comunque il pc e mi sono  messo all’opera per avere il benedetto rimborso. Dalle informazioni che ho raccolto, per le licenze OEM, che sono quelle dei sistemi pre-installati, bisogna contattare il costruttore del pc, Samsung quindi.

A telefono, la signorina mi ha prima detto che accendendo il pc ho già accettato la licenza. Poi quando le ho letto il contratto (che non ho accettato) mi ha risposto che si sarebbe informata e mi avrebbe fatto sapere.

Nell’attesa mi sono documentato un pò sui precedenti e sui famosi contratti di licenza.
Dal sito attivissimo.net ho potuto raccogliere la testimonianza di uno dei primi utenti in Italia ad ottenere il rimborso. Tra le varie cose, si nota come la parte relativa al rimborso viene resa sempre più contorta e poco chiara da Microsoft.

In particolare si è passati da:

“Qualora l’utente non intenda aderire alle condizioni del presente Contratto, il Produttore e Microsoft Licensing, Inc. (“MS”) non sono disposti a concedere il PRODOTTO SOFTWARE in licenza. In tal caso, l’utente è tenuto ad astenersi dall’usare o copiare il PRODOTTO SOFTWARE e a contattare prontamente il Produttore per ottenere informazioni circa la restituzione del prodotto non utilizzato a fronte del relativo rimborso del prezzo.”

per i vecchi win 95 e 98, a:


“Utilizzando il sofware, il licenziatario accetta le presenti condizioni. Qualora il licenziatario non le accetti, non potrà utilizzare il software e dovrà restituire l’intero sistema sul quale è installato il software per ottenere il rimborso del prezzo. Per ulteriori informazioni, il licenziatario potrà contattare il produttore o l’installatore.”

per il nuovo windows 7.

In pratica, nel passato si doveva contattare prontamente il produttore per avere il rimborso mentre ora si deve restituire l’intero sistema per vedersi restituire i soldi. Mentre ora si deve consegnare l’intero sistema a fronte di un generico rimborso.Praticamente o windows o niente.

Ma proseguiamo, perchè se fosse così ancora ancora si saprebbe che si è di fronte ad una scelta e quindi sta all’utente comprare o meno.

La telefonata della signorina arriva puntuale, così come l’amarezza che essa porta con se.

Mi sono informata” , dice, “Purtroppo non è previsto un rimborso vero e proprio… anzi, se lei ci consegna i cd le proponiamo un rimborso simbolico di 1 € “….

Ora, innanzitutto i soldi che ho dato a loro per la licenza non sono tanto simbolici ma contati, fino all’ultimo centesimo.

Ma poi: i netbook non hanno lettore cd, quindi non ho cd e probabilmente neanche quell’euro mi spetterebbe…

Praticamente il rimborso non è contemplato, e infatti “…universalmente tutti i produttori fanno così…”. Quando ho fatto presente che Acer mette a disposizione un modulo per richiedere il rimborso lei mi risponde “vabbè, ma Lei ha scelto Samsung, quindi  riconosce un certo valore in questa casa”….    Oppure un Acer a quel prezzo non c’era, magari…

Il sunto della vicenda è nelle ultime parole della signorina :

“…. si presuppone che l’utente compri il pc già secondo le sue esigenze, e quindi se lo prende con windows significa che così lo vuole…”

L’unico problema è che di pc senza windows ce ne sono pochissimi in giro e, praticamente, sono stato costretto ad acquistarne uno provvisto già, senza avere alcuna scelta. Quindi non solo il danno ma anche la beffa.

L’alternativa a questa presa in giro sarebbe il passaggio alle vie legali .Ma i costi di un’ operazione del genere, a fronte dell’esiguità del rimborso (40 – 60 € per un OEM) scoraggerebbero chiunque.


Concludo con le informazioni lette sul sito dell’ADUC, la quale ha già vinto una causa contro HP e sta preparando una Class Action proprio per contestare tale comportamento. Solo con un’azione del genere si potrebbe vedere cambiare qualcosa…


 

Rimborso Licenza Windowsultima modifica: 2011-01-31T17:18:00+01:00da brian8819
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Rimborso Licenza Windows

Lascia un commento